10 cose da fare prima di partire per gli Stati Uniti (parte 4)

8) CHIAMATE, MESSAGGI E TRAFFICO DATI: se prevedete di effettuare chiamate oppure messaggiare con i vostri amici e parenti in Italia e navigare sul vostro smartphone anche fuori dal vostro alloggio, informatevi sulle offerte per l’estero messe a disposizione dalla vostra compagnia telefonica.

Se come me desiderate utilizzare frequentemente il cellulare per controllare la posta, per chattare in WhatsApp, per consultare le mappe stradali o semplicemente per ottenere informazioni sui luoghi da visitare o in cui mangiare, vi consiglio di attivare le promozioni che offrono il “tutto compreso”.

9) PRESE ELETTRICHE E TRASFORMATORI: negli Stati Uniti sia il tipo di presa che la tensione della corrente sono differenti da quelle italiane: le prese americane sono di tipo lamellare e la corrente è a 110V – 60Hz.

Se volete utilizzare correttamente gli apparecchi elettrici che avete portato con voi in valigia una volta sbarcati negli USA, prima di partire dovete dotarvi di un adattatore di spina che preveda una femmina italiana ed un’uscita maschio americana di tipo lamellare.

presa-lamellare-usa

Inoltre, se i vostri apparati non sono del tipo “multitensione”, vale a dire adatti a funzionare a 100 – 240V, dovete procurarvi anche un trasformatore di corrente. In assenza di quest’ultimo, alcuni apparecchi italiani potrebbero infatti funzionare a potenza ridotta.

10) VALIGIE ED ITINERARIO DI VIAGGIO: ho lasciato questo punto tra gli ultimi dell’elenco in quanto ritengo che si debba procedere a preparare le proprie valigie ed a studiare l’itinerario di viaggio nel momento in cui si ha la certezza di avere tra le mani tutta la documentazione utile all’ingresso negli Stati Uniti. Una volta che ne siete sicuri e magari avete anche riordinato il necessario in un apposito raccoglitore, potete riempire i vostri bagagli a mano e/o da stiva rispettando i vincoli imposti dalla vostra compagnia aerea e programmare giorno per giorno cosa visitare.

N.B. Uno degli incarichi della TSA è quello di svolgere ispezioni su tutte le valigie registrate al check-in appartenenti a passeggeri che si stanno recando negli Stati Uniti oppure che stanno viaggiando in territorio americano mediante voli interni. Se desiderate proteggere i valori contenuti nei vostri bagagli e allo stesso tempo agevolare i controlli da parte della TSA, nel caso in cui ai loro occhi questi risultassero sospetti, provvedete a dotare ogni vostra valigia da stiva di un lucchetto TSA.

Tale lucchetto con combinazione può essere aperto agevolmente dalla TSA grazie ad una chiave passe-partout in loro dotazione, preservando la totale integrità dei vostri bagagli.

lucchetto-tsa

Potete quindi optare per valigie di nuova generazione attualmente in commercio con questo dispositivo di protezione già integrato oppure acquistarli singolarmente ed utilizzarli sui bagagli di cui siete già in possesso.

Pronti per partire?

 

10 cose da fare prima di partire per gli Stati Uniti (parte 3)

6) SISTEMAZIONE PRIMA NOTTE DI SOGGIORNO: l’Ufficio statunitense delle Dogane e della Protezione delle Frontiere richiede alle compagnie di trasporto di fornire loro informazioni in anticipo su tutti i passeggeri provenienti da, diretti a o in transito per gli Stati Uniti (Informazioni Anticipate sui Passeggeri, API). Per tale motivazione il vostro vettore di viaggio vi richiederà di compilare dei moduli con informazioni quali ad esempio i vostri dati anagrafici, quelli relativi al passaporto, al vostro itinerario (ad esempio se viaggiate in aereo, l’aeroporto di partenza e di arrivo o se vi state recando in America solo per transito) e l’indirizzo completo della sistemazione della prima notte di soggiorno negli USA da esibire al check-in.

Provvedete quindi a trovarvi un alloggio almeno per la prima notte, se non pensate di stare da un vostro familiare oppure conoscente residente negli Stati Uniti, non solo per comunicarlo alla vostra compagnia di trasporto ma anche per citarlo in fase di colloquio con un funzionario dell’immigrazione al vostro arrivo. Fornire informazioni incomplete oppure inesatte sulla vostra sistemazione potrebbe insospettire l’incaricato dell’immigrazione circa la natura della vostra permanenza nel Paese e comprometterne l’ingresso.

7) PRENOTAZIONE/GESTIONE DEL VOLO: le compagnie aeree aderiscono al programma governativo degli Stati Uniti promosso dall’Ente per la Sicurezza dei Trasporti (Transportation Security Administration, TSA), Secure Flight.

Durante la prenotazione oppure gestione del vostro volo dovrete indicare, oltre alle informazioni sopra descritte, anche il vostro nome completo (scritto esattamente come riportato sul passaporto), il sesso, la vostra data di nascita ed il Redress Number ricevuto dalle autorità statunitensi.

La prima volta che ho incontrato questo termine ho provato a cercarne la corrispondente traduzione in italiano, senza però avere alcun risultato. Poi, digitandolo sui motori di ricerca ne ho scoperto il vero significato. Penso che solo chi ne sia realmente in possesso sia in grado di completare all’istante il form con i dati richiesti. In tutti gli altri casi, se come me prima della prenotazione del volo non avevate mai sentito parlare di Redress Number, lasciate il campo vuoto.

Il Redress Number è un codice composto da 7 cifre consegnato ai passeggeri risultati idonei al viaggio in precedenti imbarchi su voli da e per gli Stati Uniti, dopo ulteriori accertamenti eseguiti dalla TSA a causa di omonimia con altri nominativi presenti nelle loro watchlist. Tale numero eviterà ai viaggiatori di incorrere nella stessa situazione durante futuri spostamenti a partire da oppure verso gli USA.

Il dissenso da parte di un passeggero a fornire tali dati alla compagnia scelta per il suo trasferimento, comporterebbe conseguentemente l’impossibilità per lo stesso di viaggiare da/per e all’interno degli Stati Uniti d’America oppure di sorvolare lo spazio aereo americano per raggiungere altri Paesi.

Prosegue dal punto 8) nella quarta parte…

10 cose da fare prima di partire per gli Stati Uniti (parte 2)

3) ASSICURAZIONE SANITARIA: negli Stati Uniti non è prevista alcuna forma di tutela da parte del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) ed è esclusa anche la copertura delle prestazioni di pronto soccorso. N.B. La TEAM è utilizzabile solamente negli stati membri dell’Unione Europea e dell’Associazione europea di libero scambio (EFTA).

Per i turisti non è obbligatorio, dal punto di vista legale, stipulare un’assicurazione per essere ammessi negli Stati Uniti, è però raccomandato.

Sul web ho letto molti articoli di persone che sono state scottate tristemente dalla costosa organizzazione sanitaria americana. Ingenuamente avevano pensato che all’estero nulla gli sarebbe successo e quindi, per ridurre il budget da destinare al loro soggiorno, avevano deciso proprio di risparmiare sull’assicurazione.

Talvolta, vi potreste trovare ad affrontare qualcosa che non avreste mai immaginato vi potesse succedere. Fa parte della nostra vita. 

Sono la prima a testimoniarlo. Durante i miei viaggi all’estero, in più circostanze, mi sono dovuta affidare a strutture ospedaliere pubbliche/private per essere ricoverata oppure per ricevere cure mediche non preventivate.

Fatelo per voi stessi e per la vostra salute. Vi raccomando caldamente di non rinunciare mai a stipulare un’assicurazione sanitaria privata individuale, con massimale illimitato, relativo al pagamento diretto di spese mediche, ospedaliere e chirurgiche per tutta la durata del vostro soggiorno temporaneo negli Stati Uniti. Se dovete risparmiare, piuttosto fatelo su altro.

Durante le mie navigazioni sul web mi è saltato all’occhio questo sito dove potete trovare alcune sezioni dedicate alla scelta dell’assicurazione per viaggi in USA, al confronto tra quelle proposte sul mercato italiano e a quali costi potreste dover sostenere ad esempio per una slogatura oppure per una frattura.

4) PATENTE INTERNAZIONALE: se pensate di noleggiare un auto dovete tenere presente che dalla east alla west coast statunitense il riconoscimento dei documenti di guida rilasciati in Italia non è uniforme, in quanto demandato alla legislazione dei singoli Stati.

A riguardo, ho trovato particolarmente utile l’ultima versione (datata Maggio 2015) del prospetto riepilogativo dei documenti accettati per la guida nei vari Stati americani, pubblicata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. Nell’allegato vengono messe in luce tutte le condizioni e limitazioni previste localmente. Particolare attenzione viene posta sulla durata della validità della patente italiana e sull’obbligatorietà di esibirla congiuntamente a quella internazionale, affidando tuttavia ai singoli la facoltà di acquisire, prima di partire, ulteriori informazioni, consultando i siti delle autorità locali competenti in materia.

Aderendo alla convenzione di Ginevra del 1949, gli Stati Uniti riconoscono valide unicamente le patenti internazionali conformi al modello “Ginevra 1949”. Tali patenti hanno una validità di 1 anno dal giorno di rilascio, nei limiti della durata della patente nazionale, e sono rilasciate dalla Motorizzazione Civile.

5) METODI DI PAGAMENTO: fuori dall’Italia e soprattutto quando si tenta di prelevare denaro contante oppure di pagare, non c’è cosa più spiacevole di scoprire che i bancomat oppure le carte di credito di cui si è in possesso non funzionano oppure sentirsi dire che non possono essere accettate.

Prima di recarvi negli Stati Uniti informatevi presso la vostra banca oppure mediante il web circa l’operatività estera dei vostri metodi di pagamento, se è necessario abilitarla e a quanto ammontano le commissioni/massimali sui prelievi e sui pagamenti.

Se invece siete degli affezionati del denaro contante, vi consiglio di rivolgervi alla vostra banca per il cambio di un determinato importo, che potete liberamente stabilire, da euro in dollari statunitensi. Ricordatevi di inoltrare tale richiesta con largo anticipo in modo di disporre di quanto avete bisogno prima dell’inizio del vostro viaggio.

N.B. Per nucleo familiare è possibile portare in America importi fino a 10.000 dollari o una cifra equivalente in euro senza dichiararli alla dogana.

Prosegue dal punto 6) nella terza parte…

10 cose da fare prima di partire per gli Stati Uniti (parte 1)

Se state pianificando oppure organizzando autonomamente un viaggio di piacere/affari in America per il quale non è richiesta l’emissione di un visto (a meno che non diventi un requisito, per via della natura del vostro passaporto), vi accorgerete presto che quello a cui dovrete porre la dovuta attenzione è molto più articolato ed esteso rispetto a viaggiare in Europa.

Oltre a scegliere e programmare la vostra modalità di trasferimento, dovrete considerare accuratamente la validità dei documenti, dei metodi di pagamento e degli strumenti in vostro possesso nello Stato in cui vi state recando. Scordatevi di mostrare la vostra carta d’identità per superare i controlli aeroportuali oppure la vostra Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM) per ricevere adeguate cure mediche. Ricordatevi di controllare la vostra patente e di disporre di bancomat/carte di credito fruibili negli Stati Uniti e di adattatori di corrente atti a permettervi di utilizzare i vostri apparecchi elettronici portati dall’Italia.

Sopra, ho citato solo alcuni esempi di aspetti organizzativi/burocratici da tenere in considerazione prima di recarsi negli USA. Tenendo conto della mia esperienza, ho deciso quindi di raccoglierne 10 in una personale to-do list. Per alcuni punti vi invito a continuare a seguire i miei prossimi articoli per una descrizione più esaustiva.

1) PASSAPORTO: per entrare in territorio americano è obbligatorio essere in possesso di passaporto italiano non scaduto e con una validità residua di almeno 6 mesi dopo la fine del viaggio (data di partenza dagli Stati Uniti). Per alcuni paesi, tra cui l’Italia, il passaporto viene considerato automaticamente rinnovato per ulteriori sei mesi.

N.B. Da giugno del 2014, il pagamento del bollo annuale per circolare nei Paesi extra UE è stato abolito.

2) PROGRAMMA “VIAGGIO SENZA VISTO” ED ESTAl’Italia aderisce al “Programma Viaggio senza Visto” (Visa Waiver Program, VWP) che consente ai cittadini o residenti legali di un paese idoneo al VWP, detentori di un passaporto valido emesso da un Paese partecipante al Programma e non in possesso di un visto (VISA) per visitatori, di recarsi negli Stati Uniti per turismo/affari oppure solo per transito per un periodo non superiore ai 90 giorni senza dover ottenere il visto, qualora abbiano tutti i requisiti necessari per essere ammessi al Programma stesso.

A riguardo, ho trovato molto interessante il seguente link dove, rispondendo in successione alle quattro domande poste sulla nazionalità, sulla motivazione e durata del viaggio e sul passaporto, si viene guidati nel comprendere se si è in possesso o meno dei requisiti che permettono di beneficiare del Programma.

Se tutti i requisiti richiesti vengono soddisfatti e si decide di varcare gli Stati Uniti via mare oppure attraverso via aerea, non resta che ottenere obbligatoriamente un’autorizzazione ESTA (Electronic System for Travel Authorization). L’ESTA non è necessaria se l’accesso avviene via terra.

Prosegue dal punto 3) nella seconda parte…